Il blog dedicato alla dipendenza affettiva

Arte e Terapia Testimonianze

Quando il Vuoto da dolore diventa Arte e Canzone

7 febbraio 2018

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Essendo questa la settimana della Musica Italiana per eccellenza (è ormai iniziato il Festival di Sanremo 2018), vi offro l’ascolto di una canzone che ho scritto quest’anno e che ho presentato proprio nella sezione “Giovani Proposte” del Festival.
Si intitola: La Persona Normale.
Questa canzone parla di come il nostro Vuoto da dolore può trasformarsi in arte e in musica.

Perché il nostro dolore, se ascoltato, diventa Arte.

Come nascono le canzoni rimane ancora un mistero ai miei occhi. So solamente che le canzoni che scrivo sono lo scioglimento di un nodo. Sono come una pennellata che diluisce un’emozione frenata. E così è successo la sera che ho scritto “La Persona Normale”.

Quella sera avevo avuto una forte discussione con mia madre. Tornata a casa, nel mio luogo sicuro, mi sentivo arrabbiata, sola e avvolta come da una nuvoletta nera che mi aleggiava sopra la testa.
Ho pianto molto. Mi sentivo sbagliata.
E il mio Vuoto interiore urlava:

“Vedi? Non riuscirai mai a risolvere questa situazione. Ti perseguiterà. Sarà sempre così. Non cambierà mai”.

Il Vuoto si esprime in questo modo, con aggressività e con fare prepotente, come se volesse convincerci che non valiamo niente.

Quel Vuoto era la mia rabbia, ma dall’altra parte non c’era una Camilla adulta, bensì una Camilla bambina. Ed era lei che subiva quella violenza. Non sapevo come fermare quel fenomeno. Così ho preso la chitarra e mi sono messa a suonare. Inizialmente più incerta, poi più sicura, ed ho iniziato a scrivere le parole, adattandole alla ritmica e all’armonia che sprigionava lo strumento.
E mentre quel suono mi avvolgeva, una voce si è alternata all’urlo del Vuoto, dicendomi:

“Respira un secondo, guardati un po’ dentro, apri quelle ali, è il tuo unico talento, vola, vola di più”.

Quelle parole volevano dirmi:

“Non chiuderti. Apri le tue ali, puoi farlo. Ama, senza paura.”

Questa canzone è stata la mia medicina. I rapporti familiari non si risolvono scrivendo una canzone. La canzone è servita a me per mettermi in contatto con me stessa.
Ed è questa la magia: la soluzione creativa. Il dolore diventa Arte.
Questo è il nostro talento, per tornare ad amare, per tornare a vivere.


Curatrice della Sezione "Arte e Terapia". Cantante e compositrice, ha frequentato il Conservatorio specializzandosi in canto lirico. Nella Musica ha scoperto la propria forma d'arte ma soprattutto d'espressione, potendo dare, tramite la composizione, una vera voce alle proprie emozioni. La Musica è generosa con chi sa ascoltare. Amo nutrire la mia anima camminando nel cuore, che batte al ritmo della vita e danza esprimendo gioia e libertà. Canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCG_2yyIP6eqGsaM3QKzDvBA/videos



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il rispetto della tua privacy per noi è importante

Noi e i nostri partner utilizziamo, sul nostro sito, tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare il nostro traffico. Facendo click di seguito si acconsente all'utilizzo di questa tecnologia. Puoi cambiare idea e modificare le tue scelte sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito oppure andare a leggere in dettaglio la nostra Privacy Policy. Privacy Policy