Il blog dedicato alla dipendenza affettiva

Arte e Terapia Coppia

Imparare ad affidarsi… con “Un Uomo”

30 settembre 2018

Some contents or functionalities here are not available due to your cookie preferences!

This happens because the functionality/content marked as “Google Youtube” uses cookies that you choosed to keep disabled. In order to view this content or use this functionality, please enable cookies: click here to open your cookie preferences.

Questa mattina, mentre ero in treno, mi è capitata davanti una scena molto bella, una giovane donna si lasciava completamente abbracciare, con estrema protezione e tenerezza, dal suo Uomo.

Vedere questo atto di amore mi ha riempito di speranza e mi ha ricordato un brano di Eugenio Finardi, “Un Uomo”, che ho deciso di commentare oggi per parlare della capacità di affidarsi al nostro partner, abbattendo le difese che non ci fanno vivere a pieno la nostra relazione, partendo dall’attesa di trovare un partner che faccia parte della nostra vita, passando per la difficoltà di lasciarsi andare, fino ad lasciare liberi i nostri sentimenti.

Trasformare l’attesa in azione

“Lei non lo sapeva ma aspettava un uomo…”

Vi sono due tipi di attesa:

  • L’attesa passiva
  • L’attesa attiva.

Nel brano, si parla di un’attesa attiva: la donna non sa nemmeno di aspettare e durante questo tempo, continua a vivere. Ecco che, tramite una vita piena di cura e di attenzioni verso di sé, l’attesa di un uomo diventa semplicemente parte della vita stessa. Così non vi è dolore né patimento, ma solo un continuo movimento, naturale come le onde del mare.

Razionalità e difese eccessive: perché affidarsi?

“Tu che disprezzavi la troppa emozione come nemica della ragione…”

Nel brano “Un Uomo” si parla di quanto l’innamoramento sia capace di abbattere le difese, le paure e quindi l’autocontrollo e il pensiero razionale.

Sebbene la razionalità sia un’alleata preziosa, a volte è un limite al naturale svolgimento sentimentale nonché alla crescita emotiva.

La persona necessita di abbandonarsi e di affidarsi all’altro e alla vita, per poter sperimentare ed evolvere, entrando sempre più in connessione con il profondo Sé.

A volte è necessario perdersi per potersi ritrovare

Così viva e così perduta, come se ti fossi appena ritrovata”.

Incontrare un uomo capace di rassicurare e di far sentire una donna amata è una benedizione

Non sei mai stata così rilassata, così serena ed abbandonata”.

Questo tipo di incontro diventa prezioso proprio grazie al suo potere curativo: aiutare nell’abbandono del controllo

Proprio a te che fino all’altro ieri, ti controllavi anche nei desideri”.

Una donna, soprattutto dopo un’esperienza negativa, tende ad erigere delle protezioni per tutelarsi; invece, un uomo

Dolce e duro nell’amore, che sa come prendere e poi dare”

è davvero ciò che occorre per imparare nuovamente ad amare

Che le ricordi che sa amare, un uomo che sappia rassicurare”.

Quando si incontra un uomo duale, ovvero, in grado di scuotere come un tuono e di calmare con un perdono, di far sentire la donna speciale e pura ma anche sensuale, allora è bene buttarsi.

L’importanza di osare

“Osare di sognarsi come non è mai riuscita ad immaginarsi…”

Dicevamo, quando si presentano le condizioni ideali, intendiamo un uomo accogliente e confortante, un sentimento genuino e trascinante, non vi è ragione di bloccare il naturale flusso emotivo che nasce.

Seppur a volte l’inconscio collettivo, inteso come il Sociale, tende a frenare questa libertà spontanea “Impresentabile ai tuoi genitori…” occorre trovare dentro di sé il coraggio di seguire il proprio istinto, quindi di osare.

Rubrica, “I Consigli della canzone”

“Un uomo dolce e duro nell’amore […] con cui scopare, parlare e mangiare, e poi di nuovo farsi far l’amore”.

Il consiglio che Eugenio Finardi sembra offrirci si racchiude nella ricerca della semplicità come chiave dell’Amore.

Perciò, forse, tramite delle azioni semplici come il mangiare, il parlare, e il contatto dei corpi, si può raggiungere quella compenetrazione importante, in grado di farci sentire intimamente legati ad un altro individuo.


Curatrice della Sezione "Arte e Terapia". Cantante e compositrice, ha frequentato il Conservatorio specializzandosi in canto lirico. Nella Musica ha scoperto la propria forma d'arte ma soprattutto d'espressione, potendo dare, tramite la composizione, una vera voce alle proprie emozioni. La Musica è generosa con chi sa ascoltare. Amo nutrire la mia anima camminando nel cuore, che batte al ritmo della vita e danza esprimendo gioia e libertà. Canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCG_2yyIP6eqGsaM3QKzDvBA/videos



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Il rispetto della tua privacy per noi è importante

Noi e i nostri partner utilizziamo, sul nostro sito, tecnologie come i cookie per personalizzare contenuti e annunci, fornire funzionalità per social media e analizzare il nostro traffico. Facendo click di seguito si acconsente all'utilizzo di questa tecnologia. Puoi cambiare idea e modificare le tue scelte sul consenso in qualsiasi momento ritornando su questo sito oppure andare a leggere in dettaglio la nostra Privacy Policy. Privacy Policy