Il blog dedicato alla dipendenza affettiva

Coppia Terapia

Migliorare il rapporto di coppia: sentirsi sulla stessa “frequenza”

In questo articolo parleremo di come migliorare il rapporto di coppia, cominciando ad affermare che

Il modo in cui i partner si impegnano giorno dopo giorno ad entrare in contatto e a sintonizzarsi sul piano emotivo e fisico è ciò che può permettere alla relazione di progredire.

Per migliorare il rapporto di coppia, basta la comunicazione?

Sovente ciò che spinge le coppie a chiedere una consulenza psicologica è l’idea che ci sia qualcosa di sbagliato nel loro modo di comunicare. Eppure, nella mia esperienza professionale, come Psicoterapeuta di Coppia,  emerge che i problemi nella comunicazione all’interno della coppia sono il sintomo di specifici problemi relazionali e non la causa.

È quanto risulta ad esempio anche da una recente ricerca condotta presso l’Università della Georgia dallo studioso Lavner, ovvero: il miglioramento della comunicazione all’interno della coppia non è sufficiente a migliorare il rapporto.

Sicuramente comunicare bene consente ai partner di comprendersi l’un l’altro, ma l’ingrediente più importante per sostenere la vitalità nella coppia è “sentirsi sulla stessa lunghezza d’onda”.

Detto in altri termini, è il modo in cui i partner si impegnano giorno dopo giorno ad entrare in contatto e a sintonizzarsi sul piano emotivo e fisico a permettere alla relazione di progredire.

Come coltivare questo “sentirsi sulla stessa lunghezza d’onda”?

Come Psicoterapeuta di coppia vi consiglio di lavorare su queste tre aree.

Area della fiducia

Coltivare la fiducia nel partner e non aver paura di affidarvi a lui/lei.

Infatti, connettersi con l’altro in modo più completo e profondo permette di stabilire una relazione e dunque guardare al cambiamento in positivo.

Area del dubbio

Concedere al partner il beneficio del dubbio. Questo non significa essere sempre d’accordo con le scelte o le azioni del partner, ma chiedervi quali sono le motivazioni che le sostengono.

Solo cercando di ritrovare un reciproco punto di contatto darà la possibilità alla relazione di evolvere. Non lasciate che la rabbia e la confusione vi arenino nella discordia.

Area delle attività in comune

Spesso durante la consulenza psicologica viene dato il compito alle coppie di fare qualcosa insieme.

Capita che le coppie, prese dai mille impegni quotidiani, perdano il piacere di trascorrere del tempo insieme che sia solo a loro dedicato. Questo può essere un ottimo modo per fare scorta di energia rigenerante, a cui accedere nei momenti difficili. Ricordate che anche i piccoli gesti possono fare la differenza.

Migliorare il rapporto di coppia si può!

Nel mio lavoro, aiutare le coppie a “sentirsi sulla stessa frequenza d’onda” facilita il cambiamento del partner, la crescita e l’evoluzione della coppia.

Quando questo avviene i partner possono scoprire che è più facile stare insieme, compreso comunicare, perché sono più capaci di anticipare e comprendere le reciproche esigenze.


Si è laureata in Psicologia Clinica e specializzata in Psicoterapia Cognitiva- Comportamentale. Personalmente empatica, creativa e da sempre orientata alla relazione di aiuto e di cura, professionalmente credo che nell'importanza del continuo e progressivo aggiornamento, ho frequentato il master in Psicoterapia della Coppia presso la scuola Mara Selvini Palazzoli, sviluppando così specifiche competenze nella Terapia di Coppia. Dinamica e ricca di spunti, la Terapia di Coppia mi ha sempre più avvicinato all'idea che "in due si può fare di più" e che spesso si possono scorgere nuove soluzioni per la relazione di coppia strettamente detta e per la coppia genitoriale. L'attività di Selezione e Formazione mi ha permesso di confrontarmi con la conduzione di gruppi e di lavorare in equipe aziendali, in grado di valorizzare le differenti risorse umane. Ma l'esperienza più arricchente è sicuramente la Clinica, che mi permette ogni giorno di poter applicarmi nella comprensione e nell'aiuto della sofferenza, soprattutto quando viene a mancare il "desiderio", lasciando così lo spazio al vuoto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.