Il blog dedicato alla dipendenza affettiva

Educazione all'Amore Sano

Abbandonare la vocazione al sacrificio

23 aprile 2018

Abbandonare la vocazione al sacrificio

Introduzione

Quante volte ci siamo donate senza ascoltare i nostri veri bisogni? Quante volte ci siamo dette, anche inconsciamente:

“Sarò così brava e così presente che non potrà fare a meno di me, non mi abbandonerà!”.

Le storie di Dipendenza Affettiva si muovono più o meno tutte intorno a questi circoli viziosi. Ricercando l’amore che riteniamo di non aver avuto a sufficienza nel passato, ci annulliamo per gli altri nel presente, perché non ci abbandonino o comunque non ci facciano provare nuovamente quel vuoto che una relazione finita può provocarci. In questo modo, però, si generano esperienze di mancato equilibrio tra ciò che doniamo e ciò che riceviamo, esperienze che, a lungo andare, possono rivelarsi estremamente distruttive.

Banner Giugno 2018 | La Principessa che aveva fame d'Amore | Dipendiamo.blog

La società in cui viviamo, poi, se non mettiamo i bisogni degli altri prima dei nostri, ci insinua costantemente sensi di colpa. Risultato: la perdita totale di ciò che siamo.

La storia di Arabella nel libro “La principessa che aveva fame d’amore” racconta proprio di questa malsana vocazione al sacrificio che, tra l’altro, ci espone, nel tempo, ad un rischio altamente maggiore di essere abbandonati e di non avere nemmeno la stima di coloro per i quali ci siamo annullati.

Come ci ricorda il manifesto di Charlie Chaplin:

Quando ho cominciato ad amarmi davvero, mi sono liberato di tutto ciò che mi tirava verso il basso allontanandomi da me stesso; all’inizio lo chiamavo “sano egoismo”, ma oggi so che questo è “l’amore di sé”.

Copertina "L'aggiustacuori" | Dipendiamo.blog
Copertina “L’aggiustacuori”

Per meglio spiegare e rappresentare questo concetto, voglio utilizzare l’albo illustrato “L’aggiustacuori” di Arturo Abad e Gabriel Pacheco (Logos Edizioni), il quale ci mostra quali possono essere le conseguenze della perdita di reciprocità nelle relazioni.

Infatti, l’aggiustacuori ci apre le porte di un laboratorio meraviglioso in cui non si aggiustano scarpe né ombrelli, dove non si restaurano mobili e non si rammendano pantaloni. Con la cura tipica dell’artigiano, infatti, Mattia ripara cuori spezzati. Ma il suo lavoro non ha nulla a che vedere con quello di un cardiologo…

Prosegui la lettura per scoprire la storia che questo albo illustrato vuole trasmetterci e come preservare il nostro cuore dalla vocazione al sacrificio. Clicca in basso e continua la lettura!

Curatrice della sezione "Educazione all'amore sano" Lavora nell'ambito delle risorse umane. Scrittrice e lettrice, cura progetti e laboratori creativi per ragazzi e adulti. Vive in provincia di Modena ed è felicemente mamma di due ragazzi adolescenti, che sono per lei fonte di grande ispirazione e quotidiano apprendimento.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.