Il blog dedicato alla dipendenza affettiva

Educazione all'Amore Sano

Il giardino dell’anima: una storia di personalità narcisista

La personalità narcisista nella storia Il giardino dell'anima

Una sera, mentre l’ape è intenta a provare degli abiti senza essere per nulla soddisfatta del risultato (è un’ape molto arrogante e viziata), scorge nel suo giardino un fuco sdraiato sotto un albero che si gode il silenzio. L’ape, incuriosita, lo fa chiamare con l’intento di sedurlo, ma il fuco si rifiuta di raggiungerla non avendo intenzione di vivacizzarle la serata nel modo da lei prescelto.

Le fa sapere, però, che sarebbe disponibile ad accompagnarla a visitare “il giardino dell’anima”.

“Le venne in mente che questo giardino dell’anima non l’aveva mai visitato e si stupì del fatto che qualcuno conoscesse un posto a lei segreto. Pensò che avrebbe potuto rimandare l’uccisione del fuco e che, per ora, assecondarlo avrebbe potuto venirle utile per spezzare la noia della serata”

L’ape si presenta al fuco per conoscere questo luogo, convinta che dovrà camminare a lungo per raggiungerlo. Ma il fuco la invita “solo” a chiudere gli occhi.

Quando l’ape li riapre, si trova in un giardino incantato, bellissimo, con tantissimi fiori luminosi. L’ape è profondamente stupita di tale meraviglia. Il fuco la invita a sentire ciò che questo luogo le suscita, e per la prima volta l’ape mette da parte il suo orgoglio e gusta il prezioso nettare dei fiori senza reciderne lo stelo.

 “I fiori sembravano felici e la regina provò una sensazione mai avvertita prima di allora. Non riusciva a spiegarsi cosa le stesse accadendo; lasciò lo stelo del fiore. Il fuco le disse: “Brava, lascialo vivere. Prendineil succo, ma non la vita”. La regina in quel momento provò uno strano compiacimento del tutto diverso da quello che giornalmente provava nel poter scegliere sempre ogni cosa. Avvertì un sussulto particolareche proveniva dal petto.”

L’ape, grazie al fuco, comincia a vedere con altri occhi: quelli del cuore. Fidandosi di ciò che sente, comprende che la felicità è fatta di piccole cose e che in esse è nascosta la vera natura degli esseri viventi.

Insieme, l’ape e il fuco bevono miele e cantano a squarciagola trascorrendo momenti magnifici in compagnia delle cicale.

“L’ape pensò che il fuco sarebbe divenuto un buon re, pensò che lei avrebbe voluto sposarloe tenerlo persempre con sénel suo castello. “Non voglio essere re”, il fuco si espresse così in tutta la sua lucentezza. “Come hai fatto a leggere il mio pensiero?”, esclamò l’ape sbalordita. “Abbandona questa materialità, corri oltre il tuo castello e il tuo denaro. Abbraccia il sentiero dell’animae vedrai che anche tu riuscirai a leggere dentro di te e dentro gli altri.”

L’unica via affinché l’ape possa uscire dal suo schema narcisista è quello di guardare dentro di sé, oltre i suoi limiti.

“L’amore non bisogna implorarlo e nemmeno esigerlo. L’amore deve avere la forza di attingere la certezza in sé stesso. Allora non sarà trascinato, ma trascinerà“ Hermann Hesse

Attività: una camminata riequilibrante

Quando cerchiamo qualcuno a cui aggrapparci, non ci troviamo nell’equilibrio e nella presenza. Siamo nella paura, non nell’amore.

L’attività che propongo a corredo della lettura dell’articolo è quindi una “semplice” camminata, un momento giornaliero che possiamo concederci di silenzio e di pace.

Camminare, senza un obiettivo preciso, quieta la mente, ossigena il corpo e ci permette di contattare la nostra spiritualità, osservando la perfezione della natura.

Possiamo scegliere se goderci il panorama o porre l’attenzione sui piccoli dettagli che incontriamo sul nostro cammino. Ci accorgeremo di quante cose non avevamo mai realmente visto con gli occhi del cuore.

Con questa pratica, il ripristino del nostro equilibrio è assicurato.

E porteremo luce anche alla nostra capacità di amare.


Curatrice della sezione "Educazione all'amore sano" Lavora nell'ambito delle risorse umane. Scrittrice e lettrice, cura progetti e laboratori creativi per ragazzi e adulti. Vive in provincia di Modena ed è felicemente mamma di due ragazzi adolescenti, che sono per lei fonte di grande ispirazione e quotidiano apprendimento.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.